Cos’è la BPCO?

La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un patologia caratterizzata dalla progressiva riduzione  del flusso aereo non completamente reversibile. La malattia è di solito progressiva ed associata ad un risposta infiammatoria polmonare causata da inalazione di particelle o gas nocivi.

Dal punto di vista anatomopatologico, insieme alla bronchiolite cronica, un certo numero di pazienti manifesta anche segni di enfisema polmonare.

La causa più importante della malattia è il fumo di sigaretta.

La diagnosi di BPCO è basata sulla presenza di sintomi e storia di esposizione ai fattori di rischio e confermata dai test di funzionalità respiratoria.

L’approccio medico si basa su quattro step fondamentali:

  • diagnosi e monitoraggio della malattia,
  • riduzione dei fattori di rischio,
  • trattamento della malattia in fase stabile,
  • trattamento delle riacutizzazioni e dell’insufficienza respiratoria.

L’educazione del paziente può aiutare a migliorare la capacità di convivere con la malattia e lo stato di salute. Iniziare a discutere e a capire le problematiche legate alla progressione della malattia e alle sue fasi terminali, rappresenta un modo efficace per dissuadere il paziente dall’abitudine tabagica e per migliorare la risposta alle riacutizzazioni.

Diagnosi e monitoraggio della malattia

  1. Le caratteristiche cliniche più frequenti sono:
    • Storia di esposizione a fattori di rischio (fumo di tabacco, fumo proveniente da combustibili per la cucina domestica e il riscaldamento).
    • Tosse: presente in modo intermittente oppure ogni giorno, spesso presente tutto il giorno, raramente solo di notte.
    • Catarro cronico: Qualunque tipo di espettorazione cronica può indicare la BPCO.
    • La difficoltà respiratoria (dispnea): il sintomo è progressivo, tende a peggiorare nel tempo, è presente ogni giorno, peggiora con l’esercizio fisico e soprattutto durante le infezioni respiratorie.
  2. La spirometria indica la presenza di difetto ventilatorio ostruttivo come definito dalla riduzione del rapporto tra FEV1/VC <limiti inferiori della norma (5° percentile della distribuzione) dopo l’inalazione di un broncodilatatore. Altri test sono necessari per valutare appieno la malattia dal punto di vista dei volume polmonari possibilmente con la pletismografia corporea e della diffusione Alveolo-Capillare del Monossido di Carbonio (DLCO). Quest’ultimo test è utile per identificarne la componente enfisematosa.

Valutazione della gravità della BPCO

Quattro sono gli elementi base per valutare la gravità della malattia:

  • Sintomi
  • Gravità della ostruzione bronchiale (usando la spirometria)
  • Rischio di riacutizzazioni
  • Presenza di comorbidità

1- Misura dei sintomi: Per una valutazione completa dei sintomi esistono questionari validati come il COPD Assessment Test (CAT) o il Clinical COPD Questionnaire (CCQ). Il Questionario Modificato del British Medical Research Council (mMRC) dà solo una valutazione della dispnea.

2- Classificazione di gravità della ostruzione bronchiale nella BPCO

(basata sul VEMS post-broncodilatatore)

Nei pazienti con VEMS/CV <Limiti Inferiori della Norma:

GOLD 1: Lieve (FEV1 ≥ 80% del teorico),

GOLD 2: Moderato (FEV1 50-80% del teorico),

GOLD 3: Grave (FEV1 30-49% del teorico),

GOLD 4: Molto grave (FEV1 < 30% del teorico).

3- Rischio di riacutizzazioni: La riacutizzazione di BPCO è definita come un evento acuto caratterizzato da peggioramento dei sintomi respiratori del paziente che va oltre le normali variazioni giorno per giorno e porta ad un cambiamento nel trattamento. Esiste una certa correlazione tra rischio di future frequenti riacutizzazioni (2 o più all’anno) e storia di precedenti eventi trattati o gravità dell’ostruzione bronchiale.

4- Presenza di comorbidità: Numerose sono le comorbidità che si riscontrano frequentemente nei pazienti con BPCO: malattie cardiovascolari, osteoporosi, ansia e depressione, disfunzione del muscolo scheletrico, sindrome metabolica e cancro polmonare. Queste condizioni coesistenti influenzano qualità di vita, mortalità e numero di ricoveri ospedalieri.

Nelle ultime LG Gold la valutazione della gravità della BPCO è basata su 3 criteri: dispnea, grado di ostruzione bronchiale, e frequenza di riacutizzazioni.

Sintomi

Sintomi Lievi (grado mMRC 0-1 oppure punteggio CAT <10): Paziente (A) oppure (C)

Sintomi Gravi (grado mMRC ≥2 oppure punteggio CAT ≥10): Paziente (B) oppure (D)

Ostruzione Bronchiale

Basso Rischio (GOLD 1 o GOLD 2): Paziente (A) oppure (B)

Rischio Elevato (GOLD 3 o GOLD 4): Paziente (C) oppure (D)

Riacutizzazioni

Basso Rischio ≤ 1 per anno e nessuna ospedalizzazione per riacutizzazioni: Paziente (A) oppure (B)

Rischio Elevato ≥ 2 per anno o ≥ 1 ospedalizzazione: Paziente (C) oppure (D)

rischi

Approccio terapeutico alla BPCO in fase stabile

Scopi della terapia sono essenzialmente due:

  1. Riduzione dei sintomi e della tolleranza allo sforzo e dello stato di salute
  2. Rallentamento della progressione della malattia, prevenzione delle riacutizzazioni e riduzione della mortalità.

A questi trattamenti vanno aggiunti la cessazione del fumo di sigaretta, programmi di riabilitazione allo sforzo, programma di vaccinazione anti-influenzale e anti-pneumococco, ossigenoterapia domiciliare, ventilo terapia ed eventuale terapia chirurgica (pneumoplastica e trapianto polmonare).

Riacutizzazioni

Definizione di riacutizzazione

Evento acuto con peggioramento dei sintomi respiratori tale da indicare la necessità di trattamento adeguato. Anche se le cause più frequenti sono le infezioni batteriche o virali, le riacutizzazioni possono trovare altre dovute a processi infiammatori acuti come da esposizione ad inquinanti ambientali, trombo-embolia polmonare, scompenso cardiaco, alterazione metaboliche, anemia, ed altre.

Valutazione della gravità in base a

  • Emogasanalisi arteriosa: paO2 < 60 mm Hg con o senza PaCO2 > 50 mm Hg respirando aria ambiente;
  • Radiografia del torace: immagini radiologiche dovute a polmonite, atelettasia, versamento pleurico e altre patologie;
  • ECG;
  • Esami ematochimici (alterazione dei globuli rossi e bianchi, VES, PCR, alterazioni metaboliche, renali, elettrolitiche);
  • Presenza di catarro purulento.

Trattamento aggiuntivo

  • Ossigenoterapia
  • Antobioterapia
  • Broncodilatatori (aumento del dosaggio)
  • Corticosteroidi per via sistemica
  • Controllo condizioni cardiovascolari, idriche e metaboliche
  • Ventilazione meccanica non-invasiva/invasiva

Per saperne di più

  1. http://www.goldcopd.it/materiale/2014/pg2014.pdf
  2. http://www.simernet.it/home/Download/2013/Gestione%20BPCO_04.pdf
  3. http://www.rirl.org/respiratoryreview/NewResources/CCQ-us-english-week.pdf
  4. http://occmed.oxfordjournals.org/content/58/3/226/F1.expansion.html

Altre letture

  1. Pellegrino R, Antonelli A. Unfolding the mechanisms of progression of pulmonary emphysema in COPD. Editorial. Eur Respir J 2012; 40: 801-803.
  2. Pellegrino G, Sferrazza Papa GF, Pellegrino R. European Airways: a review of the assessment of airway function. ERS Buyers’ Guide to Respiratory Care Products 2014 (In press).
  3. Pellegrino R and Brusasco V. Point and counterpoint: Is an increase in FEV1 and/or FVC ≥ 12% of control and ≥ 200 ml the best way to assess positive bronchodilator response? YES, BUT…. Chest 2014 (In press).
  4. Pellegrino R, Torchio R, Antonelli A, Crimi E, Dutto L, Gulotta C, Pedersen OF, Brusasco V. Lung volume dependence of bronchoconstrictor and bronchodilator responses. Respirology J 2014 Jul 14. doi: 10.1111/resp.12349.
  5. Pellegrino R, Brusasco V.  Has my patient responded? Letter. Am J Respir Crit Care Med 2012; 185: 896.
  6. Baldi S, Dellacà R, Covoni L, Torchio R, Aliverti A, Corda L, Tantucci C, Gulotta C, Brusasco V, Pellegrino R.  Airway distensibility and lung tissue recruitment with lung inflation in COPD. J Appl Physiol, 2010; 109: 1019-1026.
  7. Scorsone D, Crimi E, Bartolini S, Braido F, Baroffio M, Pellegrino R, Brusasco V.  Does a low-density gas misture and oxygen sypplementation improve exercise training in COPD?  Chest, 2010; 138: 1133-1139.
  8. Pellegrino R, Antonelli A, Mondino M.  Bronchodilator testing: an endless story. Editorial. Eur Respir J  2010; 35: 952-954.
  9. Miller MR, Pedersen OF, Pellegrino R, Brusasco V.  Debating the definition of airflow obstruction: time to move on? Editorial.  Eur Respir J 2009; 34: 527-528.
  10. Barisione G, Crimi E, Bartolini S, Saporiti R, Copello F, Pellegrino R, and Brusasco V.  How to interpret a reduced FEV1/VC ratio with normal FEV1.  Eur Respir J  2009; 33: 1396-1402.
  11. Pellegrino R, Coletta G, Gallo V, Brusasco V.  Structure and function in COPD.  Curr Respir med Reviews 2008; 4: 234-238.
  12. Pellegrino R, Brusasco V, Viegi G, Crapo R.O., Burgos F, Casaburi R, Coates A, van der Grinten C.P.M., Gustafsson P, Hankinson J, Jensen R, Johnson DC, MacIntyre N, McKay R, Miller M.R., Navajas D, Pedersen O.F., Wanger J. Defintion of chronic obstructive pulmonary disease: based on evidence or opinion? Eur Respir J 2008; 31: 681-682.
  13. Brusasco V, Crimi E, Pellegrino R.  Airway inflammation in chronic obstructive pulmonary disease: friend or foe? Editoral. Am J Respir Crit Care Med  2007; 176: 425-426.
  14. Parola P, Franzoso B, Coletta G, Gallo V, Pellegrino R.  Expiratory airflow limitation and physical exercise. Multidisciplinary Respiratory Medicine 2007; 1: 100-103.
  15. Baldi S, Fracchia C, Bruschi C, Dore R, Maestri R, Brusasco V, Pellegrino R.  Effects of bronchodilatation on single breath pulmonary uptake of carbon monoxide in chronic obstructive pulmonary disease. Int J COPD 2006; 1: 477-483.
  16. Brusasco V, Pellegrino R.  Lung hyperinflation in chronic obstructive pulmonary disease.  Int J Respir Care 2005; 2: 46-49.
  17. Miller M, Hankinson J, Brusasco V, Burgos F, Casaburi R, Coates A, Crapo R, Enright P, van der Grinten CPM, Gustafsson P, Jensen R, Johnson DC, MacIntyre N, McKay R, Navajas D, Pedersen OF, Pellegrino R, Viegi G, Wanger J. Standardization of spirometry. Eur Respir J 2005; 26: 319-338.
  18. MacIntyre N, Crapo R, Viegi G, Johnson D, van der Grinten CPM, Brusasco V, Burgos F, Casaburi R, Coates A, Enright P, Gustafsson P, Hankinson J, Jensen R, McKay R, Miller MR, Navajas D, Pedersen OF, Pellegrino R, Wanger J. Standardization of the single breath determination of carbon monoxide uptake in the lung. Eur Respir J 2005; 26: 720-735.
  19. Wanger J, Clausen JC, Coates A, Pedersen OF, Brusasco OF,Burgos F, Casaburi R, Crapo R, Enright P, van der Grinten CPM, Gustafsson P, Hankinson J, Jensen R, Johnson D, MacIntyre N, McKay R, Miller MR,  Navajas D, Pellegrino R, Viegi G. Standardization of the measurement of lung volumes. Eur Respir J 2005; 26: 511-522.
  20. Pellegrino R, Viegi G, Brusasco V, Crapo RO, Burgos F, Casaburi R, Coates A, van der Grinten CPM, Gustafsson P, Hankinson J, Jensen R, Johnson D, MacIntyre N, McKay N, Miller MR,  Navajas D, Pedersen OF, Wanger J.  Interpretative strategies for lung function tests.  Official statement of the American Thoracic Society and the European Respiratory Society.  Eur Respir J 2005; 26: 948-968.
  21. Pellegrino R, Decramer M, Rutten-van Mölken M, Dekhuijzen RPN, Troosters T, van Herwaarden C, van Schayck OCP, Olivieri D, Del Donno M,  De Backer W, Lankhorst I, and Ardia A. Quality control of spirometry: lesson from the BRONCUS trial. Eur Respir J 2005; 26: 1104-1109.
  22. Decramer M, Gosselink R, Rutten-Van Molken M, Buffels J, Van Schayk O, Gevenois PA, Pellegrino R, Derom E, De Backer W.  Assessment of progression of COPD.  Thorax 2005; 60: 335-342
  23. Pellegrino R, Brusasco V.  Assessing airflow obstruction: when everything is not so obvious. Editorial. Respiration 2004, 71: 557-558.
  24. Decramer M, Rütten-van Mölken M, Dekhuijzen PNR, Troosters T, va Herwaarden C, Pellegrino R, van Schayck CPO, Olivieri D, Del Donno M, De Backer W, Lankhorst I, Ardia A. Effects of N-acetyl cysteine on outcomes in chronic obstructive pulmonary disease (Bronchitis Randomized On NAC Cost-Utility Study, BRONCUS): a randomised placebo-controlled trial.  Lancet 2005; 365: 1552-1560.
  25. Cerveri I, Dore R, Corsico A, Zoia MC, Pellegrino R, Brusasco V, Pozzi E. Assessment of Emphysema in COPD: a Functional and Radiological Study.  Chest 2004; 125: 1714-1718.
  26. Brusasco V, and Pellegrino R.  Oxygen in the rehabilitation of patients with chronic obstructive pulmonary disease. An old tool revisited. Editorial.  Am J Respir Crit Care Med 2003, 168: 1021-1028.
  27. Brusasco V and Pellegrino R.  Functional classification of COPD. Eur Respir Rev 2003; 12 (86/87); 284-286.
  28. Brusasco V and Pellegrino R.  Assessment of expiratory flow limitation. Eur Respir Rev  12 (86/87): 380-382, 2003.
  29. Corsico A, Fulgoni P, Beccaria M, Zoia MC, Barisione G, Pellegrino R, Brusasco V, Cerveri I.  Effects of exercise and β2-agonists on lung function in chronic obstructive pulmonary disease.  J Appl Physiol 93: 2053-2058, 2002.
  30. Duranti R, Filippelli M, Bianchi R, Romagnoli I, Pellegrino R, Brusasco V, Scano G. Inspiratory capacity and decrease in lung hyperinflation with salbutamol in COPD. CHEST; 122: 2009-2014; 2002.
  31. Cerveri I, Pellegrino R, Dore R, Corsico A, Fulgoni P, van de Woestijne KP, Brusasco V.  Mechanisms for isolated volume response to a bronchodilator in patients with COPD.  J Appl Physiol 2000; 88: 1989-1995.
  32. Pellegrino R, Villosio C, Milanese U, Garelli G, Rodarte JR, Brusasco V.  Breathing during exercise in patients with mild airflow obstruction: Effects of physical training. J Appl Physiol 1999; 87: 1697-1704.